MARAYA ART CENTER

Echoes of the Void, il nuovo progetto itinerante dell'artista Maria Rebecca Ballestra, patrocinato dall'Università Ca' Foscari di Venezia e curato da Rachela Abbate, approda negli Emirati Arabi Uniti, grazie al supporto e alla collaborazione del Maraya Art Center, che permetterà all'artista di realizzare un lavoro sul deserto Rub Al Khali, o “Quarto Vuoto”.

Il Maraya Art Center è un centro d'arte fondato nel 2006 a Sharjah che offre un innovativo programma di mostre sia di artisti medio orientali che internazionali, oltre ad ospitare nei suoi spazi un archivio video, una biblioteca specializzata, aree espositive e programmi di workshop e eventi educativi. www.maraya.ae

Il Maraya Art Center ospiterà in residenza Maria Rebecca Ballestra dal 3 al 13 Dicembre 2016, periodo di ricerca in cui l'artista svilupperà una nuova tappa del suo progetto biennale, Echoes of the Void, confrontandosi con uno dei paesaggi più affascinati e misteriosi del pianeta, quello del deserto. Il Rub Al Khali è considerato il secondo deserto di sabbia più grande al mondo, ancora ampiamente inesplorato e praticamente disabitato copre una superfice di oltre 650.000 Km2. Durante la residenza l'artista svolgerà un lavoro di ricerca e di documentazione, per poi successivamente dar vita a un corpus di opere sul tema del nomadesimo, del “centro in movimento”, dell'ospitalità e del fragile equilibrio tra identità e paesaggio.