Statement

My work  is based on the reprocessing and reinterpretation of social, political and environmental themes and on a synthesis of ethno-cultural codes, learned during several artist residencies program all around the world. The journey is one of my main source of inspiration: a meditation on history, traditions and ancient customs of different countries is an instrument to escape the Eurocentric perspective and to offer to the public a new points of active observation and criticism. My works often arise as a project site and context specific, using the space that welcomes them to enhance their communicative and emotional aspects. My works are inspired by strong, complex and contemporary subjects: the denunciation of preventive detention (Prisoner, made to Agora, Bordighera, 2005), the illegal trafficking of children and organs (Cannibalism, Castello Sforzesco, Milan 2005 ), the commerce of the body (Post Mortem Human Resources, Taiwan 2005), the consumption of natural resources and the Earth Overshoot Day (The Weight of the Human Being, Loggia dei Mercanti, Genoa 2007), etc. My last production, is oriented toward the perception of the future in relation to climate change and multiple human interventions in the natural environment and sense of insecurity and anxiety that characterizes this new millennium.

La mia ricerca artistica si fonda sulla rielaborazione e sulla reinterpretazione di tematiche sociali, politiche ed ambientali e sulla sintesi dei codici etnoculturali appresi durante numerose residenze d’artista realizzate in paesi geograficamente e culturalmente lontani. Il viaggio è una delle mie principale fonte d’ispirazione: la riflessione sulla storia, sulle tradizioni antiche e sulle usanze attuali dei diversi paesi del mondo sono uno strumento per r fuggire dalla prospettiva eurocentrica e per offrire al pubblico nuovi punti di osservazione attiva e critica. Le mie  opere spesso nascono come progetti site e context specific e si servono dello spazio che li accoglie per potenziare la loro valenza comunicativa ed emozionale. Le tematiche a cui le opere si ispirano sono forti, complesse ed attuali: la denuncia delle leggi per la detenzione preventiva (Prisoner, realizzata per Agorà, Bordighera 2005), del traffico illegale di bambini e di organi (Cannibalism, Castello Sforzesco, Milano 2005), della mercificazione del corpo (Post Mortem Human Resources, Taiwan 2005), del consumo delle risorse naturali e del Earth Overshoot Day (The Weight of the Human Being, Loggia dei Mercanti, Genova 2007), etc.
La mia ultima produzione è orientata verso la percezione del futuro in relazione ai cambiamenti climatici e ai molteplici interventi dell’uomo all’interno dell’ambiente naturale e al senso di precarietà e di inquietudine che caratterizza questo nuovo millennio.